Cosa dovrebbe essere migliore per le ferite?

Errori nella cura delle ferite

Alcuni rimedi casalinghi si comportano in modo persistente come una cura, anche se hanno più svantaggi, sono inefficaci o addirittura ottengono il contrario:

  • L'alcol su una ferita aperta brucia duramente. Pertanto, soprattutto i bambini piccoli non devono essere trattati con disinfettanti alcolici: l'esperienza sarà ricordata e la prossima volta avrai grandi difficoltà a convincere i piccoli a stare fermi. Chiedi alla tua farmacia per disinfettanti indolori.
  • Polvere da ferita: una ferita sanguinante non deve essere trattata con polvere per ferite. I granuli fini sono come innumerevoli, piccoli corpi estranei, che disturbano sensibilmente la ferita che guarisce.
  • Miele: sebbene il miele abbia davvero un lieve effetto disinfettante. Tuttavia, può anche contenere le spore di batteri pericolosi (clostridi), che si moltiplicano nella ferita e le cui tossine possono essere pericolose, specialmente per i bambini. Quindi: non dare alle ferite!
  • Quando si tamponano ferite con steli o foglie di piante, batteri e altre sostanze indesiderate possono entrare nella ferita e scatenare reazioni allergiche. Tuttavia, le foglie grattugiate di margherita o ribwort aiutano a mordere gli insetti.
  • La farina non fa parte delle ferite o delle bruciature: non ha effetto rinfrescante o curativo, ma ritarda la guarigione delle ferite.

Come guarisce una ferita?

In caso di sanguinamento, la stessa persona ferita forma la prima chiusura provvisoria della ferita: il suo muro si contrae e restringe il buco. Quindi le piastrine si sbrigano e si stringono per colmare il vuoto. Attraverso queste attività, i fattori di coagulazione che galleggiano nel sangue sono attratti e formano una sorta di colla, la fibrina, nel sito dell'evento. Questo sigilla il tappo delle piastrine del sangue e chiude così il foro nel vaso fino a quando il processo di guarigione ristabilisce la struttura della parete del vaso entro pochi giorni.

Quando vengono cucite le suture?

Se i bordi della ferita si trovano direttamente l'uno contro l'altro, il corpo può collegarli insieme (guarigione della ferita primaria). Se, d'altra parte, un gap di ferita maggiore deve essere colmato, il corpo riempie prima questo gap con il tessuto di ricambio. Successivamente si sviluppa una cicatrice (guarigione della ferita secondaria). Pertanto, lesioni in cui la pelle è stata completamente recisa e in cui i bordi della ferita si aprono, cuciti o graffati: il medico avvicina i bordi il più vicino possibile per mantenere il tempo di guarigione il più breve possibile e la formazione di cicatrici bassa.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento