Esami del cervello e dei nervi: ulteriori procedure

Esame neuropsicologico

Un'altra parte dell'esame neurologico è l'esame di coscienza, memoria e stato della psiche. Pertanto, è possibile valutare prestazioni cerebrali più elevate come la percezione e il pensiero e possono essere rilevati disturbi come demenza, malattia mentale o conseguenze di malattie organiche come un ictus.

Come descritto sopra, la conversazione dettagliata fornisce già importanti suggerimenti. I disturbi del linguaggio e del linguaggio possono, ad esempio, a seconda della gravità, chiudere la zona interessata del cervello. La comprensione di ciò che viene detto e scritto viene giudicata da alcuni test, così come l'orientamento allo spazio, al tempo e alla persona, nonché la memoria (test di stato mini-mentale). Talvolta vengono utilizzati anche test di intelligenza o esami psicologici come il test di Rorschach.

Altri metodi: procedure di imaging

Spesso particolarmente interessato a ciò che è ben protetto dietro le ossa del cranio o nasconde le vertebre. Per l'esame del cervello e del midollo spinale, la tomografia computerizzata (CT) viene eseguita più frequentemente. Calcificazioni, tumori, infiammazioni e ritenzione idrica possono essere identificati così come i dischi sanguinanti e erniati. Le stesse ossa possono essere valutate. I raggi X convenzionali sono quindi usati raramente.

Con la risonanza magnetica (MRI), in particolare i tessuti molli, i tumori e gli infarti cerebrali possono essere visualizzati molto bene. Come con CT, alcune domande possono essere risolte iniettando un agente di contrasto.

L'angiografia serve la rappresentazione delle navi, ad esempio con sospetto su estensioni o costrizioni. A tale scopo, un tubo sottile viene fatto avanzare nei vasi appropriati, nel mezzo di contrasto riempito e presentato con una fluoroscopia.

Il sangue stesso può essere reso visibile e udibile con l'aiuto di un esame ecografico.

La tomografia computerizzata ad emissione di fotoni singoli (SPECT) e la tomografia ad emissione di positroni (PET) non solo hanno nomi complessi, ma contengono anche una tecnologia complessa. Ecco perché sono piuttosto costosi da usare. Usano sostanze radioattive che vengono iniettate e viene visualizzata la loro energia irradiata nel corpo. La cosa interessante è che permette al cervello di essere rappresentato durante il suo lavoro: le aree attive mostrano più accumulo delle aree inattive. Quindi sono un aiuto popolare nella ricerca sul cervello - quali aree reagiscono quando sei arrabbiato, affamato o guardando la pubblicità? Cosa succede quando ci si addormenta, si guarda la TV e si impara?

Misura le attività elettriche

L'esame standard in alcune malattie neurologiche come l'epilessia comporta la misurazione delle onde cerebrali (EEG).

Se si sospetta che determinati percorsi (ad es. Per vedere o sentire) siano danneggiati, gli stimoli possono essere impostati sulla periferia (ad es. Sugli occhi o sulle orecchie) e le attività risultanti sul cervello possono essere misurate (potenziali evocati).

L'elettronografia (ITA) misura la velocità della conduzione nervosa. Questo è ridotto ad esempio in caso di lesioni o malattie dei nervi. A tale scopo, il nervo corrispondente viene attivato con un piccolo stimolo di corrente, che provoca contrazioni del muscolo collegato. Viene misurato quanto tempo ci vuole perché lo stimolo arrivi al muscolo.

Con l'elettromiografia (EMG) le attività muscolari sono rese visivamente e acusticamente visibili. Questo può essere diverso nei cambiamenti muscolari, sia che la causa sia il muscolo stesso o su questo nervo che lo fornisce.

Guardando al futuro

Recentemente, i ricercatori di Monaco e Vienna hanno sviluppato un nuovo microscopio laser. Con questo, un cervello precedentemente trattato in modo specifico può essere scansionato strato per strato e le immagini risultanti vengono successivamente assemblate sul computer per formare un film tridimensionale. Al contrario della tomografia computerizzata o della tomografia a risonanza magnetica, gli spessori dei livelli non sono di mezzo millimetro, ma solo un millesimo di essi - abbastanza sottili da essere in grado di ricostruire le singole cellule nervose.

Uno svantaggio di questa tecnica di volo 3D simulato attraverso il cervello, tuttavia, è che può essere eseguita solo su tessuti morti. Anche se non trova quindi spazio nella diagnostica clinica, apre interessanti opportunità nella ricerca sul cervello e sui nervi e nell'educazione dei futuri medici.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento