Stroke - caratteristiche, diagnostica, corso

Nella causa delle statistiche sulla morte, gli ictus sono al terzo posto nelle nazioni industrializzate occidentali dopo malattie cardiache e tumori maligni. Circa un abitante su dieci di un paese occidentale muore per un colpo improvviso, per cui il rischio di malattia aumenta significativamente con l'età. Nella settima decade di vita, l'ictus è la seconda causa di morte. Gli uomini e le donne sono colpiti altrettanto frequentemente.

Attacco ischemico transitorio e PRIND

A seconda dell'entità e della durata dei disturbi circolatori acuti nel cervello, possono verificarsi una varietà di sintomi, con transizioni regolari tra transitori, sintomi transitori e deficit neurologici persistenti per tutta la vita:

  • Nel caso di soli sintomi di breve durata come risultato di un disturbo circolatorio nel cervello, è chiamato un attacco ischemico transitorio (TIA), che può essere un precursore di un ictus "maggiore".
  • Il livello successivo più alto in termini di intensità e durata dei reclami sarebbe dato dal cosiddetto PRIND (deficit neurologico ischemico reversibile prolungato), in cui i fallimenti possono durare ore o talvolta anche giorni, ma poi regredire completamente.
  • Nel caso di danni irreparabili alla sostanza cerebrale, il danno neurologico di solito persiste per il resto della vita.

Segni di un ictus

A causa della complessa struttura e funzione del cervello, possono verificarsi le più diverse combinazioni di sintomi nei disturbi circolatori acuti, a seconda dell'area interessata.

Per la comprensione dei rispettivi sintomi di carenza, è importante che le fibre nervose di alimentazione e di scarico, che stabiliscono la connessione tra cervello e "periferia", si incrocino nella parte inferiore del cervello, il tronco cerebrale. Di conseguenza, l'emisfero sinistro del cervello è responsabile della metà destra del corpo e viceversa. Un'improvvisa paralisi del lato destro del corpo come uno dei possibili sintomi, ad esempio, indica un disturbo circolatorio acuto nell'emisfero sinistro.

Sintomi ancora più complessi si presentano nei disordini circolatori acuti a livello del tronco cerebrale, poiché numerose fibre sono anche adiacenti a entrambe le metà del corpo e ai centri di controllo e possono anche essere colpite allo stesso tempo.

I sintomi tipici del coinvolgimento del tronco cerebrale nel processo di ictus sono:

  • dolore di testa
  • visione doppia
  • Spasmi degli occhi
  • Sentimento delle mani o delle dita
  • Incertezza dell'andatura e disturbi del linguaggio

Sintomi dipendenti dall'area di chiusura

Dalla conoscenza dell'anatomia cerebrale e della struttura organizzativa, il medico esperto può trarre conclusioni dal quadro sintomatologico di un paziente con un ictus acuto alla zona cerebrale interessata, ma non alla causa scatenante. Fondamentalmente, non tutti i sintomi concepibili e le combinazioni di sintomi negli ictus possono essere rappresentati di gran lunga in questo breve articolo di recensione.

Qui ci sono solo alcuni sintomi tipici di ostruzione di un'importante nave in singole regioni del cervello:

  • Occlusione vascolare dell'arteria cerebrale media, arteria cerebrale media (circa l'80% degli ictus vascolari): paralisi e disagio sul lato opposto del corpo, più pronunciato sulle dita della mano e del viso; in parte perdita della vista nella metà opposta del viso
  • Occlusione vascolare dell'arteria cerebrale posteriore, arteria cerebrale posteriore (circa il 10% degli ictus vascolari): perdita della vista nel campo visivo opposto, disturbi della coscienza, disturbi sensoriali sul lato opposto del corpo
  • Occlusione dell'arteria cerebrale anteriore, arteria cerebrale anteriore (circa il 5% degli ictus vascolari): emiplegia sul lato opposto, che colpisce la gamba più del braccio
  • Occlusione vascolare di uno dei numerosi vasi staminali del cervello (20 percento di tutti gli ictus vascolari, fino al 50 percento nel caso di danno microvascolare): disturbi visivi, disturbi motori, disturbi emotivi che possono interessare entrambe le metà del corpo in modi diversi; Inoltre, dolore alla schiena, doppie immagini, contrazioni dei bulbi oculari, incertezza dell'andatura, disturbi del linguaggio e in grave severità anche l'annebbiamento della coscienza

Diagnosi di un ictus

La diagnosi di ictus deriva dal quadro tipico dei deficit neurologici improvvisamente ricorrenti. Se i sintomi sono minori, come disturbi emotivi di nuova insorgenza o doppia visione improvvisa, anche altre sindromi devono essere incluse come possibili cause.

La prova definitiva di un disturbo circolatorio nel cervello può essere fornita dalla tomografia computerizzata o dalla risonanza magnetica del cranio. Inoltre, questa procedura di esame può essere utilizzata per chiarire la causa e la posizione del danno nel cervello.

Ulteriori informazioni diagnostiche dopo un ictus sono fornite dall'esame ecografico dei vasi cerebrali, possibilmente una rappresentazione dell'intera circolazione cerebrale mediante iniezione di mezzo di contrasto, un esame dettagliato del cuore per possibili fonti emboliche e l'esame del sangue per possibili disturbi della coagulazione.

Corsa: prognosi

Dopo un ictus espirato con nuovi deficit neurologici, il grado di regressione spontanea delle lesioni è, ovviamente, del massimo interesse. Sebbene le cure complete siano concepibili in singoli casi, nella maggior parte dei casi è necessario prevedere tratti di grandi dimensioni con difetti più o meno accentuati e persistenti.

Poiché numerosi fattori individuali giocano un ruolo importante nell'ulteriore corso della malattia, le previsioni in singoli casi sono molto difficili da realizzare. In linea di principio, tuttavia, si può affermare che i guasti funzionali che si verificano acutamente, anche nel caso di grandi tratti, possono parzialmente recedere nel corso di diverse settimane o mesi. In un tale tratto, è di vitale importanza in che misura altre aree cerebrali ancora intatte possono intervenire e assumere la funzione del tessuto cerebrale sommerso.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento