Il prendere il sole in modo massiccio produce vitamina D.

Molti vacanzieri hanno il coraggio di indossare cappelli da sole, magliette e spessi strati di olio sulla spiaggia. Ai bambini non è permesso lasciare l'ombra degli ombrelloni mentre giocano: per paura dei rischi, molte persone vanno solo al sole con sentimenti negativi. Ma dipende dalla dose. E quelli che evitano il sole perdono anche i loro numerosi effetti positivi.

Sole per il benessere naturale

Thomas Luger, direttore del dipartimento di dermatologia di Münster, ha esaminato la pelle prima e dopo aver preso il sole. Ha scoperto che le aree cutanee esposte al sole contenevano piccole quantità di un ormone che causa il rilascio di beta-endorfine endogene. Queste sono sostanze chimicamente correlate agli oppiacei. Il sole garantisce il benessere naturale.

Produzione di vitamina D

I raggi UV convertono il colesterolo direttamente nella vitamina D nella pelle. Più del 90 percento della vitamina D richiesta dal corpo si forma nella pelle. Solo una piccola quantità proviene dalla dieta, come il pesce grasso. Quanta vitamina D viene prodotta dipende dal tipo di pelle. Più è scura la pelle, più luce solare è necessaria per ottenere la stessa quantità di vitamina.

Michael F. Holick e il suo gruppo di ricerca dell'Università di Boston hanno dimostrato che la vitamina D ha anche una forte influenza sulla prevenzione di alcuni tumori. Una parte della vitamina D viene convertita in ormoni che impediscono la crescita anormale delle cellule e rafforzano la resistenza del corpo. La luce solare colpisce anche la pressione sanguigna. I pazienti ad alta pressione sono stati irradiati con luce solare artificiale per otto settimane. Un gruppo di controllo ha ricevuto vitamina D in forma di compresse. Sebbene abbiano raggiunto un livello simile di vitamina D, l'effetto di riduzione della pressione sanguigna è stato perso. Solo la luce del sole ha avuto l'effetto positivo.

Quanto sole è così buono e da quale dose fa male?

Il professor Michael F. Holick raccomanda una semplice regola: "La maggior parte delle persone sa per esperienza quanto dura il loro tipo di pelle fino a quando non si insinua una solarizzazione. Per un quarto di quel tempo, metti la pelle ogni giorno quando splende il sole Se vuoi rimanere più a lungo al sole, usa la solita protezione solare. " Con questo metodo, l'esperto statunitense, l'uomo risparmia abbastanza vitamina D per guarire nel prossimo inverno.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento