Impianto o ponte: cosa hai sempre voluto sapere ...

Quello che hai sempre voluto sapere su ponti e impianti: Dr. med. Dr. Manfred Nilius risponde alle domande più frequenti sull'argomento.

Quando è particolarmente utile un impianto?

Con l'aiuto di un impianto, è possibile anche un fermo ancoraggio, dove non è disponibile alcun naturale. Il vantaggio: la molatura dei denti sani è superflua, perché gli impianti sono fissati direttamente nella mascella e non sulle pareti dei denti come un ponte.

In quali casi un ponte è ancora la soluzione migliore?

Un ponte è la prima scelta, anche se vengono attaccati entrambi i denti vicini. Perché in questo caso vengono forniti otticamente senza costi aggiuntivi.

Quando si dovrebbe fare in linea di principio senza un impianto?

Nei casi di diabete, leucemia, malattie cardiache o gravi disturbi del sistema immunitario, gli impianti sono raccomandati solo limitati. Lo stesso vale per certe droghe o tossicodipendenze. In questi casi è necessaria una conversazione con il medico di famiglia.

Quali sono gli svantaggi specifici di entrambi i metodi?

Impianti: di norma i costi sono più alti rispetto ai ponti convenzionali. Inoltre, deve essere perforato nella mandibola, anche se in modo minimamente invasivo. Nella mascella superiore prestare attenzione al seno paranasale. Nell'area della mascella inferiore laterale è importante preservare i nervi sensoriali.

Ponti: sono spesso percepiti dai pazienti come corpi estranei. Possono scivolare e oscillare e non fornire una calzata stretta come gli impianti ancorati nell'osso. Spesso, una grande quantità di sostanza dentale deve essere sacrificata per creare una bellissima nuova corona. Nei ponti con una struttura metallica, il margine scuro della corona brilla spesso attraverso la membrana mucosa.

Ci sono dei rischi?

Impianti: possono verificarsi disordini di guarigione delle ferite. Per i fumatori, il tasso di successo di circa il 98, 8 percento è significativamente ridotto. I rischi gravi sono sconosciuti.

Ponte: danni ai nervi dei denti con conseguente rimozione dei nervi e decolorazione dei denti. Perdita del dente e quindi perdita dell'intero ponte. Problemi di igiene sotto i membri del ponte (pulizia difficile).

Gli impianti possono scatenare allergie?

Invece di materiali convenzionali come l'oro e l'acciaio, vengono utilizzati materiali sempre più "delicati" come la ceramica "ossido di zirconio" per la struttura dell'impianto. Questo è il problema dell'intolleranza al metallo non raramente presente nella tabella (trattamento). E parla anche visivamente per la nuova alternativa: il precedente comune con gli shimmer grigi è garantito non è più un problema.

Quanto durano gli impianti e i ponti moderni?

Impianti: con cura adeguata, durano una vita.

Ponti: 15 anni o più.

Come si "fissa" la protesi?

Impianti: uno scalpello è superfluo nei metodi moderni. Invece di tagliare le mucose, gli implantologi perforano i buchi. Nuovo di zecca è il "metodo del cavatappi". La speciale tecnologia laser e una filettatura a cavatappi consentono all'impianto di essere ancorato con un unico foro di soli due millimetri. Il vantaggio per il paziente: la ferita guarisce più velocemente, il gonfiore e il dolore si riducono significativamente.

Ponti: oltre a un membro del ponte che attraversa lo spazio, due corone di ancoraggio sono posizionate sui denti a sinistra ea destra dello spazio come supporto.

Un impianto è possibile anche con una sostanza ossea bassa?

Di regola, l'osso mascellare di uno spazio dentale fornisce una sostanza sufficiente per un impianto con struttura ceramica. Se questo non è il caso, l'osso mancante può essere costruito con sostituti artificiali e / o tessuto endogeno.

Quanto costa la protesi?

Impianti: l'impianto costa dai 1.500 ai 2.500 euro, oltre alla struttura e alla corona.
Ponti: da 1.500 euro.

Il cassiere paga parte dei costi?

Sì, c'è un assegno fisso, ma solo per la corona. I costi di impianto non sono solitamente sovvenzionati dalle assicurazioni sanitarie.

A cosa dovrei prestare attenzione quando scelgo un dottore?

Se si decide in favore di un impianto, il chirurgo o il dentista dovrebbe essere in grado di presentare una formazione come implantologo.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento