Febbre da fieno - il ruolo del sistema immunitario

Molti soffrono di raffreddore da fieno. Nonostante il suo nome, tuttavia, la malattia ha poco a che fare con il fieno: non è l'erba secca che scatena i sintomi, ma il polline di alberi, erbe o erbe appena fiorite. Non ci sono quasi più pollini rimasti nel fieno. Negli ultimi venti anni le malattie allergiche sono notevolmente aumentate, specialmente nei paesi ricchi dell'emisfero settentrionale. Oggi, le allergie nelle regioni con stile di vita "occidentale" sono tra le più comuni malattie croniche.

Sempre più allergie

La predisposizione alle reazioni allergiche è ereditata. Può essere rilevato in Svizzera da circa il 30% degli adulti e almeno il 35% degli scolari. Responsabile per l'aumento della febbre da fieno e l'asma è probabilmente il nostro stile di vita "igienico" così come i nostri soliti appartamenti con tappeti, termosifoni e finestre con doppi vetri, all'interno dei quali si trova spesso una maggiore concentrazione di sostanze irritanti.

Un altro fattore per l'aumento del verificarsi di allergie: il numero in calo di bambini. I nostri bambini hanno meno probabilità di entrare in contatto con agenti patogeni. La frequente difesa contro tali patogeni nella prima infanzia, ma assicura che il nostro sistema immunitario sia sufficientemente allenato. La difesa dei nostri bambini è sempre più "sottoccupata" e ha il tempo di ottenere pensieri "stupidi".

I bambini terrestri sono meno in pericolo

Questa teoria è sostenuta da uno studio svizzero che ha dimostrato che i bambini contadini dai sei ai quindici anni soffrono meno frequentemente di malattie allergiche rispetto ai loro coetanei. La tua possibilità di contrarre il raffreddore da fieno è tre volte inferiore rispetto ai bambini non agricoli.

Gli asili nido e i vivai sembrano avere lo stesso effetto: più bambini sono insieme, maggiore è la probabilità di infezioni, cioè un efficace allenamento di difesa immunitaria. In ogni caso, questo spiega perché i bambini nell'ex Germania dell'Est soffrono meno di allergie. Fino a poco tempo fa, una buona parte dei bambini veniva accolta durante il giorno negli asili nido.

Gli impollinatori di vento ti fanno star male

Negli alberi, nelle erbe e nelle erbe, il vento spazza via il polline maschio dai fiori e, con un po 'di fortuna, la parte riproduttiva femminile di un'altra pianta della stessa specie, chiamata impollinazione del vento che assicura la fecondazione dell'uovo. Perché gli impollinatori di vento abbiano la possibilità di riprodursi ulteriormente, devono produrre enormi quantità di polline: la segale la porta a 21 milioni, l'acetosa anche a 400 milioni di pollini per pianta. Inoltre, il polline deve essere il più leggero possibile, in modo che il vento lo trasporti bene.

I granuli di polline sono quindi così piccoli da essere praticamente invisibili ad occhio nudo (da 8 a 100 millesimi di millimetro). Inoltre, gli alberi fioriscono di solito prima che le foglie si dispiegino, in modo che l'impollinazione non sia ostacolata dalle foglie. Ogni anno respiriamo circa un millesimo di grammo di grani di polline. Questa quantità minima è sufficiente per affliggere più di un quinto della popolazione con febbre da fieno. Delle 3500 piante che si verificano in Svizzera, solo circa 20 sono importanti per chi soffre di allergie.

È così che inizia la febbre da fieno

Sebbene i segni di febbre da fieno possano comparire in bambini di 5-6 anni, l'allergia ai pollini è una tipica malattia degli scolari. A volte si fa persino sentire durante la pubertà. Il picco dei reclami viene generalmente raggiunto tra i 15 e i 25 anni. Ma le persone anziane soffrono sempre più di raffreddore da fieno. Quindi devi pensare a più di 70 anni con sintomi simili a un'allergia ai pollini.

La febbre da fieno inizia spesso con un fastidioso prurito negli occhi, come se vi fossero caduti piccoli granelli di sabbia. L'occhio risponde con un aumento della produzione lacrimale, i congiuntivi si arrossano, con una reazione particolarmente forte che si gonfiano. Lo sfregamento degli occhi aumenta il rossore e il gonfiore. Per alcune persone, i sintomi degli occhi sono più difficili da sopportare rispetto al naso che scorre e prurito. Il naso morde e scatena uno starnuto violento. Cascate di attacchi di starnuti sono tipiche per la rinite allergica. Possono essere molto forti e portare all'esaurimento nei casi più gravi.

Il naso produce a differenza di una secrezione fredda molto sottile e chiara. L'allergia ai pollini si verifica sempre nello stesso periodo dell'anno, soprattutto con tempo sereno. Nella pioggia, i pazienti sono molto meglio. Sfortunatamente, molti pollini spesso volano nell'aria dopo la pioggia. Il tutto ricomincia da capo. In molti pazienti, i sintomi del raffreddore da fieno diventano meno numerosi nel corso degli anni o addirittura scompaiono del tutto. Ma rimangono sensibili per tutta la vita e possono sempre sviluppare un'allergia diversa (al cibo, agli animali domestici o al lattice).

complicazioni

I pazienti affetti da febbre da fieno spesso soffrono di vie aeree irritate o bloccate per settimane o mesi. La mucosa nasale infiammata reagisce anche sensibilmente ad altri stimoli: polvere, fumo di sigaretta o cambiamenti di temperatura portano il naso a scorrere ancora settimane dopo lo sbiadimento della febbre da fieno.

In circa un terzo della febbre da fieno è allergico all'asma. Questo processo è chiamato "cambiamento di livello" perché la malattia è cambiata dal tratto respiratorio superiore a quello inferiore. Questa complicazione trasforma un'innocua allergia in una potenzialmente pericolosa ed è quindi particolarmente temuta. Con il trattamento tempestivo e corretto della febbre da fieno, il cambio di pavimento può spesso essere evitato.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento