Sfida per i genitori

Lascia andare e dare supporto allo stesso tempo

È importante che i genitori non capiscano questo comportamento come un affronto personale, consiglia lo psicologo. Madri e padri devono imparare a lasciare andare i loro figli e ancora dare loro una presa. Tuttavia, gli adulti non dovrebbero semplicemente cedere alle discussioni.

Inoltre, devono mostrare i limiti degli adolescenti, perché la tolleranza eccessiva e le regole troppo sciolte non forniscono una base per l'attrito e gli argomenti. "Ma se i conflitti non vengono risolti, i ragazzi non possono provare ad affermarsi", lo psicologo Zimmermann è convinto.

Tra provocazione e arroganza

Se non ci sono abbastanza punti di attrito, gli adolescenti cercano altri modi per indurli a esplorare i propri limiti - ad esempio, mancanza di impegno a scuola o consumo di alcool o droghe.

"La sfida per i genitori è quella di riuscire a distinguere tra arroganza paterna e incroci di confine limpidi con pazienza", dice il direttore del Centro di consulenza scolastica e familiare cattolica di Colonia. Per trovare il giusto livello qui, può aiutare a comunicare con gli amici i cui bambini hanno la stessa età. "Se un adolescente si ubriaca da una festa, questo può essere un errore di una volta", dice Zimmermann.

Non aver paura di un aiuto professionale

Diventa più difficile se questo viene ripetuto o se le persone pubescenti si liberano per diversi mesi. "Quindi i genitori dovrebbero cercare un aiuto professionale, come un centro di consulenza educativa", dice lo psicologo. Questo è vero anche quando gli adolescenti sono sotto pressione e ansietà, sono violenti o stanno assumendo droghe.

indagini J1

Informazioni importanti sullo stato di sviluppo e sul comportamento cospicuo degli adolescenti sono anche il cosiddetto esame J1 presso il pediatra. Come parte di questo studio, i ragazzi dai 12 ai 14 anni saranno esaminati per il loro stato di sviluppo. I giovani sono sottoposti a un controllo completo: oltre a un test delle urine, viene determinato l'indice di massa corporea. Con una storia familiare appropriata, il medico avvia ulteriori esami del sangue. Inoltre, vengono registrati importanti dati su malattie, abitudini alimentari, rendimento scolastico, stato di vaccinazione, attività fisica, comportamento sociale e dipendenza, ma anche su esperienze sessuali.

Infine, c'è una conversazione consultiva. Gli stessi adolescenti decidono se vogliono correre da soli o in presenza dei loro genitori. "Gli adulti dovrebbero preparare i loro bambini per la visita dal medico che sono fisicamente esaminati, perché nella pubertà, la sensazione di vergogna è molto grande negli adolescenti", dice lo psicologo Zimmermann.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento