Tipologia e classificazione della pelle nei classici tipi di pelle

Delicato come il velluto e la seta, finemente piallato, ben fornito di sangue e molto elastico - questo è il tipo di pelle ideale. Ma solo pochissime persone possono esserne contente. La combinazione di pelle, pelle grassa e secca o sensibile sono i tipi di pelle che caratterizzano la vita reale. Come la nostra pelle appare e sente dipende dalla produzione di sebo. Il sebo racchiude l'umidità e la distribuisce sulla superficie della pelle.

La pelle combinata si comporta meglio

A seconda dello stress e dei compiti, la pelle è diversa nelle diverse parti del corpo. E questo vale anche per la faccia. La maggior parte della pelle nel mezzo della faccia è piuttosto unta, le parti restanti piuttosto asciutte. Le zone unte corrono dal mento sul naso alla fronte e si espandono sopra le sopracciglia a forma di T.

È probabile che una tale combinazione di pelle soddisfi i requisiti dell'ambiente. Nella zona T, che deve essere intensamente protetta dal sole, dal caldo, dal freddo, dal vento e dalla pioggia, numerose ghiandole sebacee sono presenti nel tessuto cutaneo. Il talco prodotto da loro copre la pelle con un film protettivo. Nelle zone marginali, che sono meno esposte alle influenze ambientali, ci sono meno ghiandole sebacee.

Il sebo protegge la pelle

Sebo (o Sedum) è un fattore importante nel bilanciare l'ambiente della nostra pelle e proteggere la nostra pelle dalla disidratazione. Inoltre, protegge da malattie della pelle, germi e influenze esterne come sostanze chimiche. È prodotto dalle ghiandole sebacee - da 1 a 2 g al giorno - ed è un composto elastico e grasso: il sego è costituito da circa il 45% di trigliceridi e il 15% di acidi grassi liberi, dal 20 al 25% di cere, dal 10 al 15% di squalene e basso Proporzioni di colesterolo e residui di cellule sebacee.

L'attività normale delle ghiandole sebacee e sudoripare è chiamata pelle normale. La sovrapproduzione delle ghiandole sebacee è indicata come seborrea (indicata anche nell'industria cosmetica come tipo acqua-in-olio o tipo W / O), l'ipofunzione delle ghiandole sebacee dà l'aspetto di pelle secca (tipo olio-in-acqua, O / W tipo).

Ogni pelle sembra diversa

I giovani sono inclini alla pelle grassa, dall'età di 45 anni supera il normale tipo di pelle secca. La spiegazione di ciò è semplice: dopo la nascita, nella pelle sono presenti ghiandole sebacee in grado di produrre una quantità sufficiente, ma regrediscono durante il primo anno. Pertanto, i bambini piccoli hanno una pelle secca. Durante la pubertà, le ghiandole sebacee sono completamente sviluppate dall'influenza degli ormoni maschili. Da quel momento in poi, la produzione di sebo aumenta costantemente fino all'età di 25 anni, quindi diminuisce leggermente fino all'età di 40 anni e quindi diminuisce continuamente.

Ogni pelle ha un aspetto diverso: il tipo di pelle dipende dalla produzione di sebo, dalla natura del sego, dal metabolismo, dalla produzione di umidità e dalla capacità della pelle di trattenere l'acqua. Responsabili per l'aspetto sono oltre a molti altri fattori:

  • eredità
  • Influenza ormonale (pubertà, menopausa, gravidanza, pillola, ecc.)
  • Nutrizione, stile di vita (metabolismo)
  • Misure cosmetiche
  • Influenze vegetative, malattie
  • Condizioni meteorologiche (clima, umidità, radiazioni UV)
  • processo di invecchiamento

Rughe - tracce di tempo

All'età di vent'anni, all'inizio degli anni trenta, inizia un processo di invecchiamento lento e inizialmente poco appariscente. Nel corso degli anni, porta sempre più spesso alle rughe. Questi segni più visibili dell'invecchiamento sono il risultato di un processo naturale che si svolge in diverse fasi: in primo luogo, le linee sottili si formano tra il naso e la bocca, gli occhi e la fronte. A causa di ricorrenti movimenti facciali, queste cosiddette espressioni facciali penetrano. Poiché le fibre elastiche del tessuto connettivo perdono la loro elasticità, nella superficie della pelle rimangono piccoli solchi.

Le fibre di collagene, che insieme alle fibre elastiche permeano il tessuto connettivo, diminuiscono nel corso degli anni. Può immagazzinare meno umidità nella pelle, non sembra così liscia e vellutata. La capacità della pelle di rinnovarsi costantemente diminuisce. Di conseguenza, lo strato corneo non è intatto come nella pelle giovane. Le ghiandole sebacee e sudoripare non lavorano meno intensamente, il mantello acido cambia e la pelle diventa più secca.

i tipi di pelle

Fondamentalmente, puoi distinguere i seguenti tipi; particolarmente importanti nella pratica sono i tipi di pelle grassa e secca:

  • Pelle secca: di solito è una pelle molto delicata, a pori sottili che soffre di disidratazione (termine sebostasi)
  • Pelle grassa: di solito brilla fortemente e appare piuttosto spessa e con pori più grossi
  • Pelle matura: la pelle delle persone anziane con rughe e rughe aumentate
  • La pelle normale: caratterizzata dalla sua complicazione, non è né troppo secca né povera di umidità
  • Pelle acneica: una pelle a pori dilatati con papule e pustole
  • Pelle sensibile: tende a secchezza e arrossamento ed è a pori fini
  • Pelle mista: caratterizzata da una zona T ricca (fronte, naso e mento) e dalle guance secche
Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento