Gli effetti del tè

Gli effetti del tè sul sistema cardiovascolare

Un ruolo importante nello sviluppo delle malattie cardiovascolari gioca l'ossidazione del cosiddetto colesterolo LDL "cattivo" dai radicali liberi. Il rischio di arteriosclerosi e infarto del miocardio è quindi significativamente aumentato. Studi scientifici hanno dimostrato che i bevitori di tè hanno un minor rischio di malattie cardiovascolari. Probabilmente, tra le altre cose, l'effetto dei polifenoli del tè è responsabile come spazzino radicale.

Gli effetti del tè sulla carcinogenesi

Negli ultimi anni, molti studi hanno esaminato l'effetto degli ingredienti del tè sullo sviluppo del cancro. I risultati mostrano che il consumo regolare di tè può prevenire il cancro. Ad esempio, uno studio giapponese che ha coinvolto più di 8500 persone ha dimostrato che consumare più di 10 tazze di tè al giorno riduce significativamente il rischio di cancro. Una spiegazione per questo è che i polifenoli nel tè influenzano il tasso di duplicazione cellulare e quindi influenzano la crescita e lo sviluppo delle ulcere cancerose.

Gli effetti del tè sulla pelle

La pelle beneficia anche di bere il tè. I polifenoli antiossidanti proteggono dai radicali causati dalle radiazioni UV. Possono aiutare a prevenire danni alla pelle dovuti al sole, proteggono dall'invecchiamento precoce della pelle e possibilmente prevengono anche il cancro della pelle. La ricerca attuale analizza anche l'effetto del tè sulle condizioni infiammatorie della pelle come la psoriasi. Finora, esistono solo risultati di esperimenti su animali. Questi sono abbastanza promettenti.

Gli effetti del tè sulle malattie infettive

Siamo costantemente circondati da virus e batteri che di solito controllano il sistema immunitario del corpo. Tuttavia, non siamo sempre immuni dallo scoppio di malattie infettive provocate, ad esempio, da salmonella o virus dell'influenza. I bevitori di tè sembrano essere meno vulnerabili qui. Si ritiene che le catechine del tè inibiscano la crescita di determinati batteri e virus dannosi.

Info: Cosa c'è di meglio - tè nero o verde? A causa dei diversi modi di lavorazione, esistono diversi tipi di polifenoli nel tè verde e nero. Il tè verde è dominato dalle catechine (ad es. Epigallocatechina gallato - EGCG), mentre il tè nero contiene principalmente theaflavins e thearubigenes prodotti dalla fermentazione dalle catechine. Il potenziale antiossidante ha i polifenoli del tè verde e nero. Il tempo di produzione ha un'influenza supplementare sull'attività antiossidante. Più a lungo il tè attira più alto il contenuto di polifenoli.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento