Cistite a causa del freddo

Quando passa l'estate, la natura ci conforta con le dorate giornate autunnali. Ma le fredde temperature della notte ti danno l'idea che l'inverno si avvicina. In questo cosiddetto periodo di transizione i raffreddori hanno un boom. Soprattutto il rischio di cistite è ora eccezionalmente alto. Perché l'ipotermia può portare rapidamente alla cistite batterica. Minzione costante e minzione bruciante sono il risultato.

Nelle donne gli agenti patogeni hanno un gioco facile

L'ipotermia è una delle principali cause di questa malattia, oltre all'irrigazione della vescica e al sistema immunitario indebolito. Le donne sono più spesso colpite da attacchi batterici alla vescica. La ragione: la tua uretra è più corta di quella degli uomini. Ecco perché gli agenti patogeni hanno un tempo più semplice per arrivare a destinazione. Secondo ricerche recenti, il freddo e lo stress indeboliscono anche il sistema immunitario femminile in questa regione del corpo. Come preventivo aiuta molto da bere e da tenere al caldo. Soprattutto piedi e bacino dovrebbero essere sempre ben imballati. E ovviamente dovresti evitare di sederti su una superficie fredda.

Basta non avviare immediatamente la mazza chimica

Se hai ancora un'infezione alla vescica, non dovresti ricorrere a farmaci forti come gli antibiotici. Non solo caricano il corpo, ma possono anche essere inefficaci se presi troppo spesso. Le malattie più gravi sono quindi difficili da trattare. In caso di lievi infezioni del tratto urinario, invece, i preparati contenenti principi attivi naturali sono altrettanto efficaci, ma molto meglio tollerati degli antibiotici. Al primo segno di un blister freddo, si possono prendere in alternativa compresse rivestite con film contenenti estratti di foglie di ribes rosso. L'ingrediente principale di questo rimedio ben sperimentato è l'arbutina del tratto urinario.

Ben risciacquato è per metà guarito

Anche quelli che decidono per le compresse, non dovrebbero dimenticare di bere molto. Almeno due o tre litri al giorno. Questo sciacqua i batteri dalla vescica e promuove il processo di guarigione. Per promuovere il lavaggio, può essere utilizzato anche per il noto tè ai reni e alla vescica. I tè della vescica e dei reni contengono, ad esempio, foglie di betulla, verga d'oro e Orthosiphonblätter che agiscono diuretici, in modo da urinare l'urina. E, soprattutto, se vi è una febbre nell'infezione vescicale o se il sangue viene mescolato nelle urine, il tempo delle erbe medicinali viene superato e la visita di un medico è assolutamente necessaria.

Quindi aiuta la tua bolla nel periodo invernale

  • Non sedersi su pavimenti freddi, panchine, pareti o semplicemente con iso-underlay
  • Maglioni e giacche che arrivano oltre i fianchi, oltre a calzature calde
  • Se hai la tendenza alla cistite: cura il tè della vescica e del rene
  • Contro le infezioni del tratto urinario lieve: compresse rivestite con film di foglie di uva ursina
  • Frutta e verdura sostengono la guarigione
  • In caso di febbre, sangue nelle urine, disturbi frequenti: immediatamente dal medico!
Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento